E se venissero inventate finestre in grado di creare energia elettrica così da poter sfruttare la luce del giorno per poter vivere, senza spendere troppo e inquinare, anche di notte?

E’ proprio questa l’idea del team di ricerca coadiuvato da Francesco Bonaccorso dei Graphene Labs dell’Istituto Italiano di Tecnologia e da Aldo Di Carlo del Polo Solare Organico Regione Lazio (CHOSE) dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

In futuro, neanche poi tanto remoto, le finestre potranno infatti essere dotate di nuovi pannelli fotovoltaici al grafene, semitrasparenti, colorati e a basso costo.

Sarà così possibile rendere finestre ed altre superfici esposte alla luce solare intelligenti, in grado cioè di produrre energia pulita dalla radiazione luminosa senza bloccarne il percorso, come invece avviene con le celle fotovoltaiche tradizionali.

In particolare, gli scienziati hanno realizzato un modulo solare al grafene di circa 50 centimetri quadrati, il più grande mai prodotto sfruttando questo materiale, mantenendo rese energetiche confrontabili con la tecnologia tradizionale basata sul platino. Nel farlo hanno utilizzato la tecnologia dye-sensitized solar cell (Dssc), che sarà mostrata anche in occasione della prossima edizione di Technology Hub, a Fieramilanocity dal 7 al 9 giugno.

[fc id=’1′ type=’popup’ button_color=’#0099ff’ font_color=’white’]Richiedi il Preventivo Gratuito![/fc]